martedì , 24 aprile 2018
18comix

Prima pagina

Ungheria: Orbán ha vinto, ancora una volta

«Dobbiamo decidere bene, perché sbagliando non ci sarà più modo di riparare. Rischiamo di perdere il nostro Paese, che diventerà un Paese di immigrati». Così Viktor Orbán si è espresso la mattina dell’8 aprile, il giorno delle elezioni ungheresi, concludendo una campagna elettorale caratterizzata dai toni fortemente anti immigrazione. Una scelta rivelatasi vincente. Il Fidesz (Unione Civica Ungherese), partito conservatore …

Leggi di più

Montenegro: ancora Đukanović, sempre Đukanović

Le elezioni presidenziali montenegrine hanno registrato il risultato atteso. Milo Đukanović ha infatti ottenuto la vittoria al primo turno delle elezioni, e in virtù dei voti ottenuti non ci sarà una seconda consultazione. Đukanović ha dichiarato che il voto “è la conferma della decisione del Montenegro di proseguire il percorso che lo porterà all’integrazione europea”. Gli esiti Mladen Bojanić, candidato indipendente …

Leggi di più

Istruzione: verso l’European Higher Education Area 2025

Nelle settimane scorse Bruxelles ha ospitato il primo Summit europeo dedicato all’istruzione. L’evento, tenutosi il 25 gennaio 2018, ha riacceso i riflettori sull’importanza strategica dell’educazione per lo sviluppo del mercato unico UE, indirizzando l’attenzione dei diversi stakeholder verso la creazione di una nuova European Higher Education Area per il 2025. L’individuazione di particolari settori di intervento, considerati prioritari per le …

Leggi di più

Gazprom, sanzione da 2,5 miliardi: si riapre la faida tra Russia ed Ucraina

gazprom

La temperatura, quella politica s’intende, si surriscalda nuovamente fra Ucraina e Russia. Ultimo atto di uno scontro politico-militare e diplomatico in realtà mai sopito è la sentenza del Tribunale Arbitrale di Stoccolma, emessa il ventotto febbraio, che condanna la russa Gazprom a pagare alla società ucraina Naftogaz la notevole somma di 2,56 miliardi di dollari per le forniture di gas …

Leggi di più

Niger e Francia: il business dell’uranio e gli investimenti in stabilità

niger

Il Niger, al 187 posto nell’indice dei diritti umani, rappresenta uno degli stati più complessi dal punto di vista dello sviluppo. 10000 rifugiati dai Paesi vicini, una situazione politica instabile e una crescita demografica esplosiva sembrano ulteriormente rimarcare la posizione periferica del paese nell’arena internazionale. Eppure negli ultimi mesi il suo destino si interseca immancabilmente con quello della Francia. Entrambe …

Leggi di più

Profughi: “La solidarietà della Giordania”

Mentre si conosce l’intenzione del Presidente americano Trump di costruire un muro divisorio tra gli Stati Uniti d’America e il Messico o, in realtà, di completare una barriera che iniziò ad essere edificata ancora con George Bush e sviluppata anche da Bill Clinton, poco si conosce degli 800 chilometri di muro e filo spinato che separano la Turchia da quel …

Leggi di più

Vladimir Putin mette in mostra i nuovi armamenti della Russia

Putin

Dopo la competizione tra Trump e Kim Jong-un su chi avesse il bottone nucleare più grosso, anche il Presidente russo Vladimir Putin ha voluto informare il mondo della potenza del proprio arsenale. L’ha fatto durante il tradizionale discorso alle Camere riunite, che si tiene solitamente a dicembre, ma che quest’anno è stato spostato a marzo, a ridosso delle elezioni che …

Leggi di più

Cambridge Analytica: la democrazia ai tempi di Facebook

Fondata nel 2013 da Robert Mercer, uno dei maggiori finanziatori del sito di informazione di estrema destra BrebaitNews di Steve Bannon, Cambridge Analytica è attualmente al centro di uno dei maggiori scandali degli ultimi anni. Le accuse La società di consulenza britannica è infatti accusata da un’inchiesta pubblicata sul Guardian di aver utilizzato il suo sistema di microtargeting comportamentale per …

Leggi di più

PACTE, la visione di Macron per la responsabilità sociale d’impresa

© Kremlin.ru

Quasi un anno è passato dall’elezione di Macron alla presidenza della Repubblica francese, eppure la sua carica riformatrice continua senza tregua. Al di là delle discussioni sull’efficacia e bontà delle misure adottate, stupisce la sua capacità di convogliare il dibattito su argomenti di politica nel senso “nobile” del termine: tematiche di principio capaci di anticipare, più che inseguire, la contingenza. Così …

Leggi di più

Libia: violenze e abusi nei centri di detenzione

“La prima cosa che le donne evacuate dalla Libia chiedono quando arrivano all’aeroporto di Niamey non è un bicchiere d’acqua. È un test per l’HIV.” Ha dipinto così la situazione di violenze e abusi nei centri di detenzione in Libia l’inviato speciale dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) per il Mediterraneo Centrale Vincent Cochetel, nel corso dell’incontro con …

Leggi di più