giovedì , 19 luglio 2018
18comix

Edoardo Corradi

Laureato in Scienze Internazionali e Diplomatiche e attualmente studente al corso magistrale in Scienze Internazionali e della Cooperazione a Genova, mi occupo da anni di Balcani, Europa centrale e orientale. Ho vissuto un anno a Wrocław, Polonia, e ho collaborato con numerose rivistetra le quali East Journal. Ho all'attivo anche pubblicazioni su riviste scientifiche tra cui la Balkan Social Science Review e Political Studies Review.

Macedonia-Grecia, risolta la disputa sul nome

Dopo più di venticinque anni Macedonia e Grecia hanno firmato un accordo sul nome che la Macedonia dovrà adottare. Dopo la decisione delle Nazioni Unite di identificarla provvisoriamente con l’acronimo F.Y.R.O.M. (Former Yugoslav Republic of Macedonia), i primi ministri macedone e greco hanno convenuto per il nome definitivo di Repubblica della Macedonia del Nord (Republika Severna Makedonija). Nell’accordo assume una …

Leggi di più

Montenegro: ancora Đukanović, sempre Đukanović

Le elezioni presidenziali montenegrine hanno registrato il risultato atteso. Milo Đukanović ha infatti ottenuto la vittoria al primo turno delle elezioni, e in virtù dei voti ottenuti non ci sarà una seconda consultazione. Đukanović ha dichiarato che il voto “è la conferma della decisione del Montenegro di proseguire il percorso che lo porterà all’integrazione europea”. Gli esiti Mladen Bojanić, candidato indipendente …

Leggi di più

Slovacchia: dallo scandalo alle dimissioni di Fico

Il premier slovacco Robert Fico si è dimesso. Lascia il governo al suo vice Peter Pellegrini, cui il Presidente Andrej Kiska ha ufficialmente chiesto di formare un nuovo governo. Fico si dimette solo dalla carica di premier, mentre rimane alla guida del partito Smer, di recente travolto dalle vicende legate all’uccisione di Ján Kuciak e dai presunti legami con la criminalità …

Leggi di più

Bosnia: verso la rimozione delle barriere con la Serbia

La Bosnia-Erzegovina e la Serbia hanno siglato un protocollo volto a favorire gli scambi commerciali tra i due Paesi tramite la rimozione delle barriere doganali. I due governi hanno sottolineato l’importanza di questo passo avanti verso la completa normalizzazione dei rapporti tra i due paesi, che tra il 1992 e il 1995 si affrontarono in uno dei conflitti più cruenti dalla fine della …

Leggi di più

Il carnefice di Srebrenica ,Ratko Mladić, condannato all’ergastolo

Mladic

Ratko Mladić, ex generale delle forze serbo-bosniache, è stato condannato all’ergastolo in primo grado dal Tribunale penale per l’ex Jugoslavia. Mladić è stato accusato di diversi crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio, per aver fatto uccidere nel 1995 più di 8000 musulmani bosniaci a Srebrenica e per il ruolo attivo avvenuto durante il lunghissimo assedio di Sarajevo. Il …

Leggi di più

Macedonia, indipendenza e nazionalismo in uno Stato multietnico

macedonia

Nata a seguito del violento collasso della Jugoslavia nel 1991, la Macedonia è stato l’unico Paese dell’ex Federazione a non vivere in prima persona i drammi sanguinosi delle guerre balcaniche. Tuttavia, gli anni successivi alla dichiarazione di indipendenza non sono stati facili e ciò ha rallentato notevolmente lo sviluppo del Paese da un punto di vista sociale, politico ed economico. …

Leggi di più

Andrej Babiš, l’euroscetticismo vince in Repubblica Ceca

Babiš

Andrej Babiš, leader del movimento ANO 2011 (Akce Nespokojených Občanů, Azione per i cittadini insoddisfatti), ha conquistato le elezioni parlamentari ceche, assicurandosi il 29,6% dei voti. Il centro-destra, rappresentato dal Partito Democratico Civico (Občanská Demokratická Strana, ODS) ha ottenuto soltanto l’11,3%, mentre la terza forza politica si è dimostrata il partito pirata ceco, Česká pirátská strana, che ha ricevuto il …

Leggi di più

Polonia: la nuova sfida all’Unione Europea

Entrata nell’UE con il maxi allargamento del 2004, la Polonia, guidata dal governo conservatore del partito Prawo i Sprawiedliwość (PiS), sta avendo un lungo e duro braccio di ferro con le istituzioni europee. I terreni di scontro tra Varsavia e Bruxelles sono prettamente due: la riforma giuridica e la foresta vergine di Białowieża, al confine con la Bielorussia. A rischio …

Leggi di più

L’UE apre la procedura d’infrazione contro l’Ungheria

Ungheria

L’Unione Europea ha annunciato di voler aprire una procedura d’infrazione contro l’Ungheria di Viktor Orbán, a causa della legge varata nei confronti delle organizzazioni non governative che operano nel Paese. Contestualmente, la Commissione Europea ha inviato una lettera riguardante lo status della Central European University, prestigioso ateneo privato finanziato dal magnate statunitense di origine ungherese George Soros. Come funziona una …

Leggi di più

L’Unione Europea liberalizza i visti per i cittadini dell’Ucraina

Ucraina

Dall’11 giugno i cittadini ucraini possono viaggiare liberamente nell’area Schengen senza aver bisogno del visto di ingresso. Potranno recarsi in Europa per un periodo che non può eccedere i 90 giorni continuativi in un periodo totale di sei mesi, dimostrando di possedere risorse economiche, il biglietto di ritorno verso l’Ucraina e un alloggio. Per attività di lavoro o studio, invece, …

Leggi di più