giovedì , 16 agosto 2018
18comix

Programma europeo per i consumatori 2014-2020: la tutela è anche online

Dopo più di due anni di negoziati, si è finalmente giunti ad un accordo: il programma europeo per i consumatori 2014-2020 non sarà ricchissimo, con meno di 200 milioni per sette anni, ma costituirà comunque una grande responsabilità per l’Unione. Definendo gli orientamenti fino al 2020 infatti, il testo cerca di dare un nuovo impulso e guardare al futuro, alla ricerca di nuovi obiettivi: una maggiore sicurezza dei consumatori (rafforzando e migliorando i controlli sui prodotti con una sorveglianza dei mercati estesa a tutta l’Unione), una migliore informazione ed educazione dei consumatori stessi ed, infine, il rafforzamento dei loro diritti e della tutela degli stessi.

Tutti obiettivi da raggiungere promuovendo la collaborazione tra organismi nazionali competenti e garantendo servizi di consulenza a favore degli stessi consumatori. Il programma tenta di procedere cercando di dare una certa continuità ai correttivi adottati finora e, malgrado tenga conto della crisi, del contesto economico attuale e del fatto che i consumatori siano stufi della complessità d’informazione, punta anche su piattaforme telematiche che consentano il confronto online di prezzi e qualità dei servizi.

Per il dicembre del 2017 sono previsti un punto di situazione sull’attuazione del programma e l’eventuale nascita di una proposta legislativa adeguata al futuro. In tale data si opterà quindi per il rinnovo del programma o, qualora fosse mutato il contesto, per la sua modifica o sospensione. Il programma dei consumatori dovrebbe assicurare un elevato livello di protezione, dando pieno sostegno agli obiettivi della strategia Europa 2020 in materia di crescita e di competitività, facendo in modo che la digitalizzazione migliori effettivamente il livello di benessere dei consumatori: garantire la tutela dei consumatori anche in rete quindi, potenziando i servizi informatici da poter utilizzare e sfruttare.

Durante la seduta plenaria del Parlamento Europeo di martedì 14 gennaio è stata ribadita più volte anche la necessità di utilizzare le risorse nel modo più efficiente possibile: tutelare i consumatori significa anche informarli. L’informazione è fondamentale, affinché i cittadini possano compiere scelte d’acquisto consapevoli, non basate solo sul mero confronto dei prezzi ma anche della qualità. Altro target del programma 2014-2020 è la crescita sostenibile. Si punta a promuovere modelli di consumo più sostenibili, prendendo in considerazione anche la situazione specifica dei consumatori, con particolare attenzione alla categoria dei consumatori vulnerabili. Tra i sistemi finanziati ci sarà anche RAPEX, un sistema europeo che consente di verificare la sicurezza dei prodotti.

In tempi di crisi economica e recessione la fiducia di cittadini e consumatori è inevitabilmente ridotta. Durante la seduta plenaria, il Parlamento ha sottolineato come le azioni volute dal programma aumenteranno la fiducia dei consumatori europei verso il mercato unico. In questo ambito, compito specifico della Commissione Europea sarà l’adozione di misure atte a tutelare i cittadini dell’Unione contro possibili frodi, corruzione ed altre attività illecite. 

Molteplici saranno anche gli organismi che potranno usufruire dei finanziamenti, ad esempio organizzazioni non governative senza scopo di lucro, organizzazioni rappresentative dei consumatori ed organismi internazionali che promuovono principi e politiche che possano contribuire agli obiettivi del programma. Potranno beneficiarne però anche le specifiche iniziative degli Stati Membri nate per tutelare dei consumatori. Al programma possono partecipare i Paesi facenti parte dello Spazio Economico Europeo ma anche Paesi terzi, soprattutto se candidati o in via di adesione all’Unione, oppure che aderiscono alla Politica Europea di Vicinato.

Come detto, un programma, seppur piccolo, di non poco conto: come ha ricordato Robert Rochefort, europarlamentare francese membro della commissione per il Mercato interno e la Protezione dei Consumatori, difendere gli interessi dei consumatori è una missione che non può essere considerata di portata “inferiore” rispetto a quella di nessun altro programma. Per un punto di situazione sull’attuazione e un’eventuale rivalutazione di obiettivi e missioni, appuntamento dunque al 2017. Solo allora sarà chiaro l’impatto di questo programma, che lo stesso Rochefort non ha esitato a definire come “assolutamente indispensabile”.

Nell’immagine, un banco che vende frutta al dettaglio, al mercato centrale di Firenze (© Brian & Jaclyn Drum – Flickr).

L' Autore - Federica D'Errico

Laureata triennale in Studi Internazionali, amo Torino tanto che ho deciso di dedicarle la mia tesi di laurea dal titolo "Città e relazioni internazionali: il caso di Torino". Appassionata di tutto ciò che riguarda l'arte e la letteratura, curiosa ed attenta all'attualità nazionale ed estera, sono una studentessa del Corso Magistrale in Comunicazione Pubblica e Politica presso l'Università di Torino. Mi piace definire l'Europa il luogo delle opportunità.

Check Also

Big Data: cosa prevede il regolamento del 2016

La principale fonte in materia di dati personali è costituita dal regolamento europeo 2016/679 del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *