martedì , 14 agosto 2018
18comix
petrolio
Photo © tsuda - www.flickr.com, 2007

Petrolio a 30 dollari al barile: una nuova crisi?

Anche nel  1973 in Italia c’erano le domeniche a piedi, non per il buco dell’ozono o per contenere il  traffico inquinante delle auto, ma per la grande crisi petrolifera che vide un aumento verticale del prezzo del barile come conseguenza di una diminuzione dell’estrazione. La causa era riconducibile alla guerra “lampo” del Kippur, che di fatto portò all’embargo contro tutti coloro che sostenevano lo Stato d’Israele, quindi in primis Stati Uniti, ma anche moltissime nazioni occidentali. In quell’occasione crollò il numero di immatricolazioni d’auto, e il costo del barile abbandonò per sempre i 3 dollari per iniziare un’ascesa che durò fino al picco del 1981 sopra i 34 dollari, mentre in Italia il costo di un litro di benzina raddoppiò nel giro di poco.

Da quegli anni si possono contare altre crisi legate all’oro nero, ma la più significativa fu quella del 2008, quando il prezzo del petrolio toccò i suoi massimi (intorno ai 150 dollari per barile) prima di scivolare giù,  schiacciato dalla bolla dei mutui subprime e dal fallimento dei fallimenti, rappresentato dal colosso finanziario americano Lehman Brothers. Una crisi profonda che alimentò anche l’industria letteraria e cinematografica con tutta una serie di libri e film alcuni in uscita proprio in questi giorni (“La grande scommessa” di Adam McKay, film in testa alle classifiche e candidato Oscar).

Il crollo del prezzo del petrolio

Dal 2014 invece si sta assistendo ad un altro fenomeno: una lenta ed inesorabile discesa del prezzo del greggio capace di arrivare anche sotto i 30 dollari, ricordando le quotazioni dei primi anni del 2000. È proprio il prezzo del greggio una delle cause scatenanti di questa crisi dei mercati finanziari mondiali che ha accelerato nella  prima parte del 2016. Mentre nel ’73 l’alto valore del petrolio aveva dato il via ad una crisi energetica, il prezzo basso di questi mesi sta causando una crisi finanziaria globale: è recente il taglio del rating dell’Arabia Saudita a causa la sua “eccessiva dipendenza dal greggio”, ma anche il declassamento del Brasile con tanto di outlook negativo, cui hanno fatto seguito quelli di Kazakhstan e Oman.

Questa morsa sta mettendo in grave difficoltà anche Stati come il Venezuela, che, nonostante sia tra i primi produttori mondiali di greggio, sta cercando ogni intervento possibile per salvare la nazione da un default dietro l’angolo. Il bolivar la valuta nazionale, è stato pesantemente deprezzato e la benzina per il consumatore finale è salita di oltre il 6.000%, in un Paese dove fino a ieri un litro di acqua costava di più di un pieno di benzina.

Ma chi sta tenendo il prezzo schiacciato sui 30 dollari? La causa principale è ricollegabile all’Iran, l’Iraq e l’Arabia Saudita, che con il loro braccio di ferro, mirante di fatto a non bloccare la produzione, continuano sul fronte finanziario l’eterna guerra religiosa tra sciiti e sunniti che incendia il mondo arabo.

Gli effetti sull’economia globale

Ma allora quale potrebbe essere un prezzo equilibrato per l’oro nero? C’è chi dice che basti sia superiore ai 40 dollari, altri nel range 60-80 dollari per barile. Un fatto è sicuro: a 30 dollari molti pozzi dovranno chiudere in quanto non più redditizi, ma soprattutto si assisterebbe ad underlisting di un numero elevato di piccoli produttori schiacciati dai debiti.

La crisi del petrolio in queste settimane ha spinto l’OCSE a ridurre al 3% dal 3,3% le stime per la crescita del PIL mondiale, portando al 2% quella degli States e a 1,4% quella dell’eurozona, mentre il Giappone non raggiunge l’1%. La Cina potrà vantare una crescita di circa più del doppio del Pil mondiale, ma i fasti della doppia cifra sembrano molto lontani e gli interventi di Pechino sullo yuan rappresentano l’ennesimo campanello d’allarme sulla tenuta dell’economia.

In questa partita del petrolio il Vecchio Continente sta sostanzialmente assumendo un ruolo passivo con il rischio che, come scriveva lo studioso Umberto Eco, “l’Europa lasciata da sola per forza di cose o diventa europea o si sfalda”.

L' Autore - Luca De Poli

classe '70, Laurea in Scienze Politiche a Padova e Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali Comparate presso l'Universita' Ca' Foscari di Venezia. Master SDA Bocconi (2003-05) e Master Ipsoa (Pianificazione Patrimoniale). Autore del libro "78 giorni di bombardamento NATO: la Guerra del Kosovo vista dai principali media italiani" (Primo Premio al Concorso Internazionale 2015 Mario Pannunzio, Istituto Italiano di Cultura fondato da Arrigo Olivetti e Mario Soldati, Torino - Sez D). 100% del ricavato viene donato ad Amnesty International. E del libro "Ibrahim Rugova. Viaggio nella memoria tra il Kosovo e l'Italia" (Primo Premio Rive Gauche 2016 Firenze, patrocinato dal Ministero Beni Culturali). Dopo aver seguito per anni progetti nel settore bancario rivolti anche al mondo del Non Profit, dal 2015 si occupa di Wealth Management.

Check Also

spagna

Spagna e Italia: le sorti, gli scenari

“Perché sei qui?”. “Perché nel mio Paese non c’e` lavoro”. Nella comunità expat di Bratislava, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *