18comix
epa
Celebrazione della firma dell'EPA con l'Africa Occidentale © European Commission, 2014

Passi avanti negli accordi UE-Africa, gli EPA

Eppur si muovono, gli Economic Partnership Agreement, i famigerati EPA. Gli ultimi mesi hanno finalmente segnato qualche passo in avanti concreto verso la conclusione di questo accordi di liberalizzazione fra UE e regioni africane, dopo un decennio di negoziati e controversie fra la Commissione Europea e i governi di molti Paesi dell’Africa.

Cosa sono gli EPA

Gli EPA sono accordi di libero scambio sanciti dal Cotonou Partnership Agreement del 2000 fra UE e Paesi ACP (Africa, Caraibi e Pacifico). Nel suo capitolo dedicato al commercio (considerato strumento indispensabile per lo sviluppo dei Paesi ACP), l’accordo di Cotonou prevedeva la firma degli EPA fra l’UE, rappresentata dalla Commissione, e da gruppi regionali di Paesi ACP. Nel caso dell’Africa, i gruppi di Paesi rappresentavano l’Africa Occidentale, l’Africa Centrale, l’Africa Meridionale e l’Africa Orientale e Meridionale (Gruppo ESA). Da quest’ultimo, si sono staccati i membri della East Africa Community (EAC), che hanno negoziato autonomamente con l’UE. Oggi dunque l’Europa tratta con 5 gruppi .

Questi accordi di libero scambio non dovrebbero però riguardare solamente i traffici di merci, ma anche quella che è stata definita la deep trade agenda: liberalizzazione dei servizi e degli investimenti, tutela dei diritti di proprietà intellettuale, politiche della concorrenza e approvvigionamenti statali (government procurement). Da qui anche le forti perplessità degli Stati africani e il nulla di fatto delle trattative, che si sono prolungate per più di un decennio. Ma negli scorsi mesi, qualcosa si è mosso, finalmente.

Gli accordi con l’Africa

Dopo che negli anni scorsi alcuni Paesi africani avevano firmato in ordine sparso interim EPA bilaterali con l’UE, nel corso del 2014 tre raggruppamenti regionali (Africa Occidentale, Meridionale e l’EAC) hanno concluso le trattative con la Commissione. Non è casuale che gli accordi siano arrivati proprio nei mesi scorsi: il 1 ottobre 2014 scadeva infatti l’estensione di una regolamentazione di mercato dell’UE, che prevedeva libero accesso al mercato europeo per il commercio dai Paesi che avessero concluso gli accordi bilaterali, senza però ratificarli. Di fatto, la Commissione ha deciso di forzare la mano e qualche risultato è arrivato: tuttavia, gli EPA attualmente in conclusione riguardano solamente lo scambio di merci e la cooperazione allo sviluppo, non l’intera e ambiziosa agenda europea.

L’accordo con l’Africa Occidentale (gruppo composto dai membri dell’ECOWAS, Economic Community of Western Africa States, più la Mauritania) è stato siglato a febbraio 2014 e ha ricevuto l’appoggio ufficiale dei capi di Stato e di governo dell’ECOWAS a luglio. I negoziati con l’EAC invece, organizzazione regionale dell’Africa Orientale, si sono conclusi a novembre. In entrambi i casi, ora gli accordi attendono la ratifica da parte di entrambe le parti.

Anche le trattative fra Europa e Africa Meridionale sono state concluse, dopo grandi difficoltà dovute alla presenza di un Paese sui generis come il Sud Africa, più sviluppato dei vicini e già coperto da un accordo bilaterale con l’UE, a cui Pretoria non intendeva rinunciare. Anche in questo caso però, dopo la conclusione dei negoziati a luglio 2014, l’accordo non è stato ancora ratificato.

Resta ancora molto da fare

Nonostante queste siano buone notizie per i negoziatori, resta ancora molto da fare: innanzitutto, gli EPA devono essere prima ratificati e poi implementati, operazioni che potrebbero richiedere anni. In più, l’UE non ha ancora trovato un accordo con altre regioni africane, quella Centrale e quella Orientale e Meridionale (gruppo ESA). In questi raggruppamenti è stato anche più difficile del solito trovare un interlocutore credibile con cui trattare.

L’UE infatti, al momento della scelta dei raggruppamenti regionali per gli EPA, non aveva privilegiato organizzazioni regionali esistenti. Tuttavia, alla fine i primi a firmare sono stati proprio i gruppi più coesi, quelli in cui un’organizzazione riunisse più membri: è il caso di ECOWAS e SADC (Southern Africa Development Community, in Africa Meridionale), ma soprattutto dell’EAC, che si è staccata dal gruppo originario proprio per questo motivo. Nelle due regioni rimanenti invece i Paesi sono sparsi fra più organizzazioni e un’intesa è sempre molto complicata. La maratona degli EPA non si conclude di certo qui.

L' Autore - Luca Barana

Vicedirettore e Responsabile Istituzioni e Affari Generali – Conseguita la laurea triennale in Scienze Politiche, ho scoperto un vivo interesse per la politica internazionale. Laureato magistrale in Studi Europei con una tesi sulle Relazioni esterne dell’UE, incentrata sul contributo alla cooperazione allo sviluppo delle relazioni interregionali con l’Africa. Appassionato di giornalismo, ricopro il ruolo di vicedirettore di Europae.

Check Also

niger

Niger e Francia: il business dell’uranio e gli investimenti in stabilità

Il Niger, al 187 posto nell’indice dei diritti umani, rappresenta uno degli stati più complessi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *