venerdì , 24 novembre 2017
18comix
corridoio sud
La costruzione di un tratto del TAP in Grecia © 2017 Trans Adriatic Pipeline

Corridoio Sud, il futuro della via europea del gas

Il gas naturale ha un posto centrale nella strategia energetica dell’Unione Europea. Il 20% dell’energia consumata dai ventotto deriva dall’utilizzo di gas naturale e negli anni l’Ue è diventata sempre più dipendente dalle importazioni estere. I principali fornitori di gas, trasportato principalmente tramite gasdotti, sono Russia, Norvegia e in minor parte l’Algeria.

La crescita del consumo di gas e la forte dipendenza da pochi produttori hanno spinto Bruxelles a integrare meglio il mercato interno del gas e a diversificare le proprie fonti promuovendo e finanziando la costruzione di nuove infrastrutture capaci di garantire anche la sicurezza degli approvvigionamenti. In questa strategia s’inserisce il Corridoio Sud per il gas naturale.

TAP: il progetto di punta nel Corridoio Sud

Il Corridoio sarà lungo quasi quattromila chilometri e trasporterà il gas dai giacimenti azeri nel Mar Caspio fino in Italia. Il costo del progetto è stimato in circa 45 miliardi di dollari, finanziati in parte dalle istituzioni europee e da capitali privati. La prima parte prevede il potenziamento del giacimento off-shore di Shah Deniz II in Azerbaigian. Le tre parti restanti consistono nella costruzione di tre gasdotti: quello sud-caucasico Azerbaigian-Georgia che da Baku arriverà alla città turca di Erzurum, il gasdotto transanatolico (Tanap) che da Erzurum porterà il gas al confine con la Grecia e quello transadriatico (Tap) che attraverserà Grecia, Albania e l’Adriatico per giungere in Italia, sulla costa del Salento.

In particolare, l’Unione Europea ha assegnato al Tap lo status di “Progetto di interesse comune” sia perché funzionale all’apertura del Corridoio meridionale del gas sia perché rientrante fra i corridoi energetici fondamentali per la strategia energetica europea. Si stima che entro il 2020 il Tap, il cui costo è stimato in sei miliardi di dollari, immetterà nella rete gas europea circa dieci miliardi di metri cubi di gas azero l’anno. Al Tap sarà in futuro collegato il gasdotto ionico-adriatico (Iap) che dovrebbe portare il gas azero anche nei Balcani.

Strategie di approvvigionamento

Le scelte di Bruxelles rispondono a considerazioni ambientali e geopolitiche. Entro il 2020 l’UE si è impegnata a ridurre le emissioni di gas serra del 20%, per cui l’utilizzo di gas naturale permetterebbe di ridurre il consumo di fonti fossili, molto più inquinanti. Un’altra spinta importante nasce dalle necessità energetiche dei paesi che più dipendono dall’importazione di gas russo. Non solo grandi paesi come Germania, Italia o Regno Unito, ma anche i paesi ex sovietici dell’Europa centro-orientale sono strettamente dipendenti dal gas russo e per questo motivo sono ansiosi di variegare le proprie fonti temendo di restare schiacciati dalle minacce di Mosca.

La crisi in Ucraina ha spinto l’Europa ad accelerare i piani del Corridoio Sud per contare su un canale di approvvigionamento energetico diretto con l’Asia centrale, aggirando il territorio russo e tentando di diminuire la dipendenza energetica da Mosca. La risposta russa è stata il progetto di costruzione di un gasdotto sotto il Mar Nero, il Turkish Stream, capace di far giungere il gas russo in Turchia facendo a meno della rotta ucraina e balcanica. La competizione con il Corridoio meridionale appare sempre più realistica se il gasdotto russo-turco arriverà in Italia con il progetto Poseidon-ITGI a cui l’UE ha paradossalmente riconosciuto lo status di Progetto d’interesse comune. In più, Gazprom ha già mostrato interesse per inviare in Europa nuovo gas usando proprio il Tap.

Ombre sul futuro

Il Corridoio Sud del gas difficilmente rivoluzionerà la geografia energetica europea. Il rischio è che i costi di costruzione superino di gran lunga i benefici. Nella strategia energetica del 2050, l’Ue già prevede un calo generalizzato delle importazioni energetiche, comprese quelle del gas ed è improbabile che crescerà il volume del gas azero estratto. È anche molto bassa la possibilità che si possa accedere in futuro alle risorse di gas iraniane o turkmene. L’eccessiva dipendenza energetica e infrastrutturale da paesi poco democratici come Turchia o Azerbaigian ha suscitato diverse critiche che si sommano a quelle derivanti dagli interessi economici poco trasparenti che avrebbero le imprese coinvolte nei lavori. Le istituzioni di Bruxelles sembrano tuttavia voler affermare con l’appoggio a questo progetto la propria presenza strategica in aree altrimenti consegnate all’influenza russa o cinese.

L' Autore - Federico Vetrugno

Classe 1991, pugliese. Ho conseguito la laurea magistrale con lode in Studi geopolitici ed internazionali presso l’Università del Salento. Sono da sempre un appassionato di storia, di geografia e di politica. Fra i temi che più mi interessano: le relazioni internazionali, la geopolitica e ovviamente l’Europa in tutte le sue possibili declinazioni, è per questi motivi che sono felice di poter contribuire a Europae.

Check Also

south pars

Total entra in South Pars, Macron rompe isolamento Iran

Il gigante petrolifero francese Total ha siglato un accordo da 4,8 miliardi di dollari con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *