martedì , 20 febbraio 2018
18comix

Presidenza italiana: obiettivo occupazione

Inclusione sociale, lotta alla povertà e alla disoccupazione giovanile: sono queste le priorità da affrontare, questi i temi che caratterizzeranno il semestre italiano di Presidenza dell’Unione Europea. A riferirlo è stato il ministro del Lavoro Giuliano Poletti ai membri della Commissione Affari sociali e Occupazione del Parlamento europeo.

Entrando nel dettaglio, il Ministro ha ricordato che proprio sull’occupazione giovanile sarà incentrato il vertice che si svolgerà alla fine del semestre di Presidenza. I riflettori saranno puntati, in particolare, sul programma Garanzia Giovani che, stando alle parole di Poletti, dovrebbe trasformarsi in una misura di carattere strutturale. Solo così, questo è il ragionamento, si potranno cogliere i risultati sperati in un arco temporale di medio periodo.

L’obiettivo dichiarato, ancora una volta, è promuovere il rafforzamento della dimensione sociale dell’Unione economica e monetaria. In quest’ottica, il Ministro italiano ha poi riferito che al Consiglio informale che si è svolto a Milano il 17-18 luglio scorsi è stato approfondito “il dibattito politico relativo agli stabilizzatori automatici, esplorando le condizioni per l’istituzione di uno schema di sussidio di disoccupazione europeo“. Non è la prima volta che se ne parla, ma l’insistenza con cui ultimamente viene riproposto il tema dell’assegno di disoccupazione sembra dimostrare che forse questa volta si fa sul serio.

Intanto, però, c’è da fare i conti con gli effetti disastrosi della crisi: l’obiettivo di ridurre di 20 milioni il numero delle persone a rischio o in situazione di povertà ed esclusione sociale entro i prossimi 6 anni, come prevedeva la strategia Europa 2020, non sembra più a portata di mano. Le cose si complicano, insomma, ma guai ad abbassare la guardia su questo terreno.

La Presidenza italiana ha assunto inoltre l’impegno di contrastare efficacemente il lavoro sommerso e di sostenere la mobilità in ambito comunitario. Dal canto loro, i deputati europei hanno sollecitato l’adozione di misure concrete e adeguate alla gravità della situazione. Come sempre avviene quando si discute in ambito europeo di lotta alla disoccupazione, nel corso dell’incontro si è anche parlato della necessità di abbattere i vincoli burocratici e di insistere su istruzione e formazione.  Si spiega così la presa di posizione del presidente della Commissione Affari sociali e Occupazione, Thomas Händel, a parere del quale sia il Parlamento sia la Presidenza devono garantire che il programma REFIT (Regulatory Fitness and Performance Programme) della Commissione non dovrà compromettere gli assetti occupazionali e i diritti sociali.

Ma se questo è il quadro degli interventi da mettere in campo, lo scenario economico di riferimento continua a rimanere incerto. Il premier Matteo Renzi lo sa bene, ma sa anche che se non si cambia si muore. Anche in Europa.

In foto, il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti © European Union 2014 – source EP

L' Autore - Sergio Pargoletti

Giornalista professionista, laureato con lode in Scienze Politiche. Ha lavorato e scritto per numerose testate tra cui Corriere del Giorno, Taranto Sera, Nuovo Dialogo e Voce del Popolo. Per diversi anni ha ricoperto il ruolo di capo ufficio stampa della Provincia di Taranto. Per tre anni ha insegnato Sociologia e Storia delle dottrine politiche in un Centro di preparazione universitaria. Per Studio 100 tv è autore e conduttore del programma settimanale Brand Europa. Scrive di politica europea su Nuovo Quotidiano di Puglia. Ha pubblicato quattro libri: Terra Ionica (2011), Berlino tutta la vita (2013) e Il Militante e la Borgata, scritto insieme a Franco Semeraro (2014). Facebook e Il Principe (2016).

Check Also

Fake news: la Commissione Europea prova a reagire

La Commissione Europea si attiva contro la diffusione delle fake news. Dopo l’avvio della consultazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *