lunedì , 19 febbraio 2018
18comix
Photo © David Holt, 2011, www.flickr.com

Belgrado: Putin al 70° anniversario della liberazione

Il 16 ottobre, dopo tensioni e polemiche, Belgrado ha celebrato il settantesimo anniversario della liberazione dall’occupazione nazista durante la Seconda Guerra mondiale, alla presenza di un ospite d’onore: Vladimir Putin. La ricorrenza in realtà sarebbe caduta il 20 ottobre ma è stata anticipata di quattro giorni per consentire al capo del Cremlino di essere presente. È stata riesumata anche la vecchia tradizione della parata militare, iniziata ai tempi della dissolta Federazione jugoslava e mai più ripetuta dal 1985. Circa 20.000 persone si sono riunite per assistere. La sfilata è iniziata con tre colpi di pistola e l’inno serbo. Parte del pubblico ha urlato “Non abbiamo bisogno dell’Unione! Putin è serbo come noi!”. Presenti diplomatici, funzionari statali e celebrità serbe.

L’omologo di Putin, Tomislav Nikolić, ha insignito lo “Zar” con il grado più alto dell’Ordine della Repubblica di Serbia. “Caro fratello Vladimir, il popolo serbo è orgoglioso del fatto che tu porti la più grande medaglia serba”, le parole pronunciate da Nikolić, in lingua russa. Ringraziando, Putin ha detto di non meritarsi un riconoscimento così importante, ma di accettarlo in nome dell’amicizia del popolo serbo nei confronti del popolo russo, ribadendo a chiare lettere che, per la Russia, la Serbia tornerà ad essere l’alleato più importante, proprio come lo era in passato.

Immancabile un riferimento all’annosa questione del Kosovo. A colloquio con Nikolić, Putin ha promesso che la Russia manterrà una posizione ferma sulla questione della “provincia serba” (come l’ha definita) dicendo: “abbiamo sostenuto la Serbia in passato e abbiamo intenzione di continuare a sostenerla anche in futuro. In Russia l’amicizia non è oggetto di compromessi. Abbiamo lottato e lotteremo affinché non venga riconosciuta l’indipendenza”.

Nel corso della sua visita Putin ha avuto anche un colloquio con il premier Aleksandar Vučić, il quale, in una conferenza congiunta, ha reso noto che è stato trovato un accordo che potrebbe rendere possibile l’esportazione in Russia delle macchine prodotte nello stabilimento FIAT di Kragujevac. L’export si inserirebbe nella cornice dell’accordo di libero scambio Serbia – Russia e sarebbe un modo semplice per occupare una parte, seppur limitata, del mercato russo e creare nuove opportunità per l’economia serba.

Alla domanda riguardante la costruzione del gasdotto South Stream, Putin ha detto che è un progetto che non può portare avanti solo, affermando che “è come l’amore: può essere felice solo se entrambe le parti vogliono svilupparlo. Non possiamo iniziare a costruire un oleodotto di miliardi di dollari se i nostri partner stanno ancora decidendo se sia necessario o meno. Sono però convinto che questo progetto, se verrà realizzato, andrà a beneficio di tutti. Il problema dello stallo è politico”. I rappresentanti di Serbia e Russia hanno intanto firmato anche una serie di accordi riguardanti il settore energetico, militare, e dei trasporti. Putin ha inoltre invitato Nikolić a Mosca, per il 9 maggio 2015, per partecipare alle celebrazioni dei settant’anni dalla vittoria sulla Germania nazista.

L’accoglienza riservata a Putin stride abbastanza con il percorso scelto dalla Serbia, orientata ad integrarsi sempre più nell’UE, non indifferente rispetto a queste dimostrazioni “d’affetto” per lo “Zar”. Maja Kocijančič, portavoce dell’Alto Rappresentante uscente, Catherine Ashton, ha richiamato all’attenzione di Belgrado le intese stipulate con Bruxelles in previsione di una futura integrazione europea. Ha parlato di impegni che vincolano la Serbia a rispettare e ad allinearsi alle scelte politiche dell’UE, impegno che serve a dimostrare di essere un Paese su cui si può fare affidamento, nonostante il suo incontrovertibile e saldo legame con la Russia. La Kocijančič ha infatti ribadito che, benché una visita di Putin a Belgrado non costituisca un discriminante, la Serbia dovrebbe essere cauta e dovrebbe rispettare le sanzioni avviate dall’UE nei confronti di Mosca in risposta alla politica di aggressione condotta contro l’Ucraina.

L' Autore - Maria Ermelinda Marino

Responsabile Balcani - Studentessa di Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Trento. Nutro un forte interesse per i Balcani ed il Caucaso e trascorro il mio tempo libero studiando la storia, le società e le problematiche di quei luoghi attraverso la lente del Diritto internazionale pubblico e del Diritto dell'Unione Europea.

Check Also

aborto

Aborto, a maggio il referendum “tabù” in Irlanda

Il popolo irlandese a maggio sarà chiamato alle urne per scegliere se abolire la severa …

One comment

  1. Evviva la Festa di Liberazione! Benvenuto Putin!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *