18comix

Giuseppe F. Passanante

Ho studiato lingue alla Ca' Foscari (triennale) e relazioni internazionali a Torino (magistrale), per poi ottenere un master alla sede di Varsavia del Collège d'Europe dove ho approfondito temi come la Politica Europea di Vicinato, le relazioni UE-Russia e le politiche di allargamento. Attualmente vivo in Polonia, a Breslavia, e lavoro in una multinazionale. Le aree geografiche di mio interesse sono l'Europa Centrale, i Balcani, la Turchia e lo spazio post-sovietico.

Lituania nell’eurozona, una storia di successo

L’adozione della moneta unica rappresenta un passo importante nel processo di inserimento della Lituania nel cuore politico e istituzionale dell’UE. Storicamente e culturalmente, la Lituania è infatti parte integrante dell’Europa. Per vederla coinvolta nel processo di integrazione europea si è dovuto però aspettare il crollo del comunismo. Alla fine degli anni ’80, proprio in Lituania si svilupparono quelle forti spinte indipendentiste che avrebbero portato alla dissoluzione …

Leggi di più

Partenariato Orientale: Mogherini, Tusk e le sfide del vicinato

La sorte ha voluto che la più grande crisi dei rapporti fra Russia, UE e il vicinato comune avvenisse in occasione delle elezioni europee, che segnano un cambio ai vertici del Parlamento, della Commissione e del Consiglio Europeo. Il Partenariato Orientale è stato lanciato da Polonia e Svezia nel 2008 per rafforzare i legami con i vicini orientali e aiutarli …

Leggi di più

Putin blocca South Stream: le conseguenze sulla regione del Mar Nero

La rinuncia alla realizzazione del gasdotto South Stream annunciata da Vladimir Putin durante la visita in Turchia avrà forti ripercussioni politiche su tutta la regione del Mar Nero. Nel corso della visita è anche stato annunciato un aumento delle forniture alla Turchia attraverso il gasdotto Blue Stream e la costruzione di un secondo gasdotto che fornirà 64 milioni di metri …

Leggi di più

Renzi in Turkmenistan: il gas al centro dell’incontro

Lo scorso 18 novembre Matteo Renzi, di ritorno dal G20 in Australia, si è recato in visita ad Ashgabad, in Turkmenistan, in veste sia di capo del governo italiano, sia di Presidente di turno del Consiglio dell’Unione Europea. Nella stampa occidentale non se ne parla quasi mai, ma il Turkmenistan è un Paese molto particolare e interessante. Il crollo dell’URSS …

Leggi di più

Ucraina: Donbass, elezioni farsa preludio al conflitto congelato

La leadership di Zakharčenko e Plotnickij nelle autoproclamate repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk ha cercato di darsi una parvenza di legittimità con le elezioni-farsa del 2 novembre. Queste elezioni non hanno rispettato alcuno standard democratico e costituiscono una grave violazione del Protocollo di Minsk e della sovranità dell’Ucraina. Il nono punto dell’Accordo prevede infatti lo svolgimento, il 7 dicembre, di …

Leggi di più

Caucaso: resta la tensione fra Armenia e Azerbaijan

Il Caucaso Meridionale resta centrale nell’agenda internazionale. Nelle ultime settimane ci sono stati diversi avvenimenti importanti. Lo scorso 3 ottobre si è tenuto a Minsk il Vertice dei capi di Stato della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI), durante il quale l’Armenia ha firmato il trattato di adesione all’Unione Economica Eurasiatica (UEE). La firma del trattato è il risultato di un …

Leggi di più

UE-Kazakhstan: concluso nuovo Accordo di Partenariato

Con la visita del Presidente kazako Nursultan Nazarbaev a Bruxelles giovedì scorso, si sono conclusi i negoziati per l’Accordo di Partenariato e Cooperazione Rafforzata tra UE e Kazakhstan. L’accordo diventerà il nuovo quadro giuridico dei rapporti bilaterali con il gigante centroasiatico e rimpiazzerà l’ormai obsoleto Accordo di Partenariato e Cooperazione negoziato negli anni ’90. Sarà la prima intesa nella sua …

Leggi di più

Elezioni in Lettonia: il centro-destra verso il governo

Domenica scorsa si sono tenute le elezioni per il rinnovo della Saeima, il parlamento monocamerale della Lettonia. Saskaņas Centrs, coalizione socialdemocratica rappresentante la comunità russofona, si conferma primo partito con il 23% (24 seggi), ma arretra sensibilmente rispetto alla scorsa legislatura, durante la quale aveva 31 seggi. Avanzano invece i partiti della coalizione del governo uscente. Vienotība (centro-destra) ottiene il …

Leggi di più

Semestri di storia: 1985, l’Italia di Craxi nel mondo nuovo

L’ottavo semestre di Presidenza italiana del Consiglio dell’UE ebbe luogo in un contesto molto diverso rispetto ai primi sette. Il mondo, e di conseguenza anche l’Italia e l’Europa, cambiavano molto in fretta. In Italia il partito egemone non era più la DC, ma il PSI. Sia a Palazzo Chigi che al Quirinale sedevano due socialisti. A Washington, Reagan iniziava il suo …

Leggi di più

Fra Georgia e ISIS: la storia della Gola di Pankisi

Spesso le grandi catene montuose vengono viste come dei muri che isolano le civiltà l’una dall’altra. In realtà, spesso costituiscono ponti. Per rendersene conto non serve andare lontano: basta pensare alla cultura occitana diffusa su entrambi i lati delle Alpi Occidentali o alle popolazioni Walser al di qua e al di là del Monte Rosa. Anche nel Grande Caucaso ci …

Leggi di più