18comix

Giuseppe F. Passanante

Ho studiato lingue alla Ca' Foscari (triennale) e relazioni internazionali a Torino (magistrale), per poi ottenere un master alla sede di Varsavia del Collège d'Europe dove ho approfondito temi come la Politica Europea di Vicinato, le relazioni UE-Russia e le politiche di allargamento. Attualmente vivo in Polonia, a Breslavia, e lavoro in una multinazionale. Le aree geografiche di mio interesse sono l'Europa Centrale, i Balcani, la Turchia e lo spazio post-sovietico.

Georgia: Morto Eduard Shevardnadze, la volpe bianca

Ieri all’età di 86 anni si è spento Eduard Shevardnadze. La volpe bianca del Caucaso, come veniva chiamato, è stato nel bene e nel male un protagonista della politica georgiana, sovietica e mondiale. La sua carriera era iniziata in epoca brezhneviana, quando la Georgia era governata da Vasili Mzhavanadze ed era la meta turistica sovietica più ambita, nonché la più benestante delle …

Leggi di più

Georgia, Moldavia, Ucraina: firmati gli Accordi con UE

Il Consiglio Europeo del 26 e 27 giugno passerà alla storia per diversi motivi, uno di questi è la firma degli Accordi di Associazione con Ucraina, Moldavia e Georgia. Questi accordi segneranno l’inizio di una nuova fase dei rapporti tra l’UE e i 3 Paesi, creando un’Area di Libero Scambio Globale e Approfondita (DCFTA). Verranno in pratica eliminate in maniera graduale …

Leggi di più

Mondiali 2014: la cosmopolita Croazia sfida il Brasile

mondiali brasile croazia

La Croazia, che stasera disputerà la gara inaugurale dei Mondiali in Brasile contro i padroni di casa, è una squadra abbastanza cosmopolita. Stiamo parlando di un Paese che fino a poco più di venti anni faceva parte di uno Stato federale e multietnico. In epoca jugoslava i confini amministrativi, che poi sono diventati politici, non coincidevano con quelli etnici. Dopo …

Leggi di più

Lituania: Dalia Grybauskaitė rieletta, vince la continuità

Domenica scorsa in Lituania, oltre alle elezioni europee, si è svolto il ballottaggio per le presidenziali. Il primo turno si era tenuto domenica 11 maggio, ma nessun candidato aveva ottenuto la maggioranza assoluta. Alla Presidente uscente Dalia Grybauskaitė era andato il 45,89% delle preferenze, mentre al principale sfidante, il socialdemocratico Zigmantas Balčytis, solo il 13,63%. Tra gli altri candidati, il …

Leggi di più

Armenia e Georgia: buoni rapporti oltre la religione

Il Caucaso è molto eterogeneo etnicamente. Benché la regione sia tristemente nota per i vari conflitti interetnici, la sua storia parla di una lunga coesistenza pacifica tra popoli diversi. Gli armeni avevano una forte presenza in molte aree della regione: a fine Settecento la popolazione di Tbilisi era per tre quarti armena. La regione storica del Javakheti, appartenente alla Georgia (in …

Leggi di più

Hollande nel Caucaso: il rinnovato interesse per la regione

Si è conclusa martedì la tre giorni transcaucasica di François Hollande, di rilievo per la politica estera dell’intera UE. La Francia è infatti da tempo il Paese membro più attivo nella regione, basti pensare al ruolo di mediazione svolto da Sarkozy, durante il conflitto russo-georgiano del 2008, oppure al mezzo milione di armeni residenti in Francia. Per non parlare della …

Leggi di più

Barroso: le forze dell’integrazione sono più forti

Il 9 maggio il Presidente della Commissione Europea, José Manuel Barroso, ha tenuto un discorso al campus del Collège d’Europe di Natolin, presso Varsavia. L’evento ha una triplice valenza: si festeggia infatti la Festa dell’Europa, il decimo anniversario dall’adesione della Polonia all’UE e il ventesimo dall’inaugurazione del campus. Il College d’Europe è un istituto di studi post-universitari fondato nel 1949 …

Leggi di più

UE-Russia: il peso sottovalutato dei Paesi dell’Est

Molti euroscettici affermano che nell’UE le decisioni che contano, soprattutto in ambito di politica estera, vengono prese a Berlino, Parigi e Londra. Ovviamente non si può negare il fatto che alcuni Paesi “pesino” più degli altri: da un certo punto di vista è anche giusto. Se infatti tutti gli Stati sono uguali, sono uguali anche tutti i cittadini e quindi …

Leggi di più

Azerbaijan: l’importanza strategica non calpesti i diritti

Con il deterioramento dei rapporti con Mosca in seguito all’invasione dell’Ucraina, ridurre la dipendenza energetica dalla Russia è diventata una priorità assoluta per l’UE e l’Occidente in generale. Un’opzione per perseguire questa strategia è importare idrocarburi da altri produttori. Questa necessità comporta un’accresciuta importanza strategica dell’Azerbaijan, attraverso il cui territorio fluisce il cosiddetto corridoio meridionale che trasporta gli idrocarburi estratti …

Leggi di più

Paesi “a rischio” Putin (parte II): Caucaso e Asia centrale

Il nuovo approccio alla politica estera, intrapreso dalla Russia con il terzo mandato di Putin, oltre a rappresentare una potenziale minaccia per l’Ucraina e l’intera Europa orientale, rischia di diventarlo anche per il Caucaso e l’Asia centrale. Nel Caucaso Meridionale infatti, la Georgia presenta una situazione simile a quella moldava. Già dai primi anni ’90 Tbilisi non ha autorità su …

Leggi di più