18comix

Economia e Finanza

Marzo, 2014

  • 7 Marzo

    BCE, inflazione sotto il 2% fino al 2016

    Stabilità, questa la parola d’ordine al tavolo del Consiglio Direttivo della Banca Centrale Europea (BCE). Nessun movimento dei tassi di interesse, che rimangono ai minimi storici, e nessuna misura straordinaria per smuovere l’inflazione europea da quel persistente 0,8% di crescita annua. La strategia rimane sempre la stessa, ossia offrire agli investitori di tutto il mondo una valuta stabile ed in …

  • 6 Marzo

    Renzi, promemoria da Bruxelles: “debito pubblico rischio per ripresa”

    Che non fosse luna di miele tra il governo Renzi e l’UE lo si era capito già una settimana fa alla presentazione dei Winter Forecast della Commissione Europea, ma quella arrivata ieri da Bruxelles è la conferma che il nuovo esecutivo italiano dovrà muoversi in un campo minato. Dalle osservazioni della Commissione (le in-depth review che aprono la procedura di monitoraggio degli …

  • 5 Marzo

    Politica di coesione: fine della convergenza fra regioni europee?

    A sei anni dall’inizio della crisi, a Bruxelles si comincia a fare il punto sui risultati raggiunti dalla politica di coesione durante il periodo di programmazione finanziaria che si è appena concluso. L’intento è quello di mettere in evidenza i cambiamenti, indotti dalla crisi, che incideranno sul contesto e sulle priorità dei nuovi programmi della politica di coesione per il …

  • 4 Marzo

    Italia e Spagna: come e perché tagliare il cuneo fiscale

    Ciò che spesso si rimprovera alla moneta unica, con tanto di nostalgie sui fasti della sovranità monetaria, è l’impossibilità di effettuare svalutazioni competitive per far ripartire l’export e, con esso, l’economia di uno Stato europeo. D’altronde il mandato della Banca Centrale Europea (BCE) è chiarissimo: inflazione nel medio-lungo termine inferiore ma vicina al 2%. Nessun accenno alla piena occupazione, perseguita …

  • 3 Marzo

    Crimea, la crisi spaventa i mercati. Rublo e Borsa di Mosca in caduta libera

    L’occupazione militare russa della Crimea ha terrorizzato gli investitori di tutto il mondo. Gli effetti di questo terrore si stanno manifestando nelle borse mondiali attraverso il crollo dei listini e una serie di rapide e ingenti fughe di capitali. La più colpita è ovviamente la Borsa di Mosca, arrivata a perdere in mattinata quasi il 12% della sua capitalizzazione. I …

Febbraio, 2014

  • 25 Febbraio

    Rehn smorza l’entusiasmo di Renzi: PIL italiano solo a +0,6% nel 2014

    Non è uomo da offendersi, il Matteo nazionale, tutto sogni e coraggio, genio e sregolatezza. Ma, certo, conosce bene il peso delle parole e, soprattutto, dei non detti. E in quel breve brano di conferenza stampa, in cui Olli Rehn parla d’Italia, il Commissario agli Affari Economici e Monetari  preferisce citare Piercarlo Padoan, che del governo Renzi sarà Ministro dell’Economia. …

  • 20 Febbraio

    L’impatto sociale e gli strumenti della finanza

    C’è una Fondazione in Inghilterra (CAF – Charities Aid Foundation) che da qualche anno presenta un’interessante fotografia sulla propensione dei Paesi al volontariato e, più in generale, verso il prossimo. In questa vera e propria classifica, non sorprende di trovare ai primi posti Paesi come gli Stati Uniti d’America, il Canada e la Nuova Zelanda. Sorprende invece forse di più la …

  • 19 Febbraio

    Unione Bancaria: l’ECOFIN scende a patti con il Parlamento Europeo

    Una mano tesa nei confronti del Parlamento Europeo per iniziare i negoziati nella maniera più serena e produttiva possibile. Così si può riassumere l’incontro di ieri dell’ECOFIN, che ha avuto come tema principale la ridefinizione di alcuni aspetti del Meccanismo Unico di Risoluzione e del relativo Fondo. Il Meccanismo Unico è uno dei perni dell’Unione Bancaria insieme alla vigilanza unica …

  • 16 Febbraio

    Il Baltic Dry Index, cos’è e perché guardarlo

    Ogni giorno al porto di Singapore vengono caricate decine di grandi navi porta-container: navi che percorrono il pericoloso stretto di Malacca, attraversano l’Oceano Indiano, passano al largo delle coste somale, risalgono il Mar Rosso e attraversano, in ordinata fila, il canale di Suez, per entrare nel Mediterraneo e dirigersi infine verso i porti europei, Anversa, Genova, Marsiglia, Rotterdam. Prima ancora …

  • 15 Febbraio

    Gli indicatori sociali della crisi irrompono nel Semestre Europeo

    L’obiettivo ‘EU2020’ di ridurre entro la fine del decennio di almeno 20 milioni le persone a rischio o in situazione di povertà e di portare al 75% il tasso di occupazione non è mai sembrato così lontano. Oggi, un quarto della popolazione europea è a rischio di povertà o di esclusione. La crisi economica ha comportato un aumento sostanziale dei …