18comix

Politica e Istituzioni

Gennaio, 2014

  • 10 Gennaio

    Su Europa e immigrazione Cameron svolta a destra

    Quando il Partito Conservatore britannico ha vinto le elezioni politiche nel 2010, il candidato David Cameron simboleggiava il rinnovamento: su ambiente e diritti civili ad esempio, Cameron intendeva modernizzare il proprio partito, riscattandone le sorti dopo più di un decennio di sconfitte elettorali ad opera del New Labour di Tony Blair. La necessaria, e inusuale, coalizione con i liberaldemocratici guidati …

  • 9 Gennaio

    Lettonia nell’Eurozona: Riga è città europea della cultura 2014

    “Forza Maggiore”, sarà questo lo slogan di Riga, capitale della Lettonia, che per il 2014, in concomitanza con l’entrata della Repubblica Baltica nell’eurozona, sarà la Città Europea della Cultura, a fianco della svedese Umea. Il 2014 segna per la Lettonia un momento di svolta: gli ultimi anni sono stati un periodo di austerità e di cambiamenti, ora finalmente Riga può festeggiare …

  • 8 Gennaio

    Lettonia nell’eurozona: il percorso economico della “tigre baltica”

    Il 1 gennaio del 2014 la Lettonia è divenuto ufficialmente il diciottesimo Stato della zona euro. Il traguardo può essere visto come capolinea della recente storia economica, caratterizzata dalla più totale instabilità, e come premio per i notevoli sforzi compiuti dal Paese per dimenticare l’ultima crisi e gli eccessi del passato. La storia economica recente del Paese inizia nel 1992, con …

  • 7 Gennaio

    Lettonia nell’Eurozona: cittadini e non-cittadini del Baltico

    La regione baltica è sempre stata etnicamente eterogenea: per secoli il principale gruppo etnico allogeno sono stati i tedeschi, la cui presenza risale alle Crociate del Nord (XII° secolo). Proprio nel Baltico, a inizio ‘800, nacquero i primi movimenti nazionali nell’Impero zarista. Gli antagonismi etnici coincidevano con quelli sociali: servitù della gleba estone e lettone e aristocrazia tedesca. Durante la …

  • 6 Gennaio

    Lettonia nell’Eurozona: simboli lettoni, simboli d’Europa

    Libertà, attaccamento alla propria terra e orgoglio per la propria storia. Son questi i messaggi che il popolo lettone vorrebbe trasmettere ai cittadini degli altri 17 Paesi dell’Eurozona in cui, a partire dal 1° gennaio, anche gli euro lettoni possono circolare liberamente. Messaggi racchiusi nell’immagine dello stemma lettone, che sarà impresso sulle monete da 50, 20 e 10 cents, ed …

  • 5 Gennaio

    Lettonia nell’eurozona: la scommessa sull’euro

    L’immagine del premier Valdis Dombrovskis che, allo scoccare della mezzanotte di Capodanno, ritira al bancomat i primi euro della storia lettone resterà l’emblema dell’allargamento della zona euro al suo diciottesimo Stato membro. Alcuni, vedi il Financial Times, consigliano di gioire finché si è in tempo: se la Lituania dovesse ripensarci e rinunciare all’euro dal 2015 – scrive il quotidiano economico britannico …

  • 4 Gennaio

    Austera e mediterranea: al via la presidenza greca dell’UE

    Tra difficoltà finanziarie e scetticismo, la Grecia ha assunto la presidenza di turno dell’Unione Europea. Dopo le prime pagine nel pieno della crisi finanziaria, Atene avrà dunque occasione di tornare a far parlare di sé in Europa. Si spera in meglio. Pur ridimensionata dalla riforma dei trattati del 2009 la presidenza di turno del Consiglio dell’UE continua infatti a svolgere …

  • 2 Gennaio

    Sprechi e traslochi: l’assurda doppia (tripla) sede del Parlamento Europeo

    Lo scorso 20 novembre il Parlamento Europeo (PE) si è espresso, con una risoluzione, a favore del Rapporto Fox-Hafner sulla “determinazione delle sedi delle istituzioni dell’Unione Europea”. Con 483 voti a favore, 11 astenuti e 141 contrari, gli eurodeputati sono tornati a far pressione sugli Stati membri, chiedendo di avviare la procedura ordinaria di revisione dei trattati, per rispondere a …

Dicembre, 2013

  • 30 Dicembre

    Scandalo corruzione in Turchia: per Erdogan l’inizio della fine?

    A pochi mesi dalle proteste di Gezi Park, il premier turco Recep Tayip Erdoğan è di nuovo sotto attacco, in quella che potrebbe rivelarsi la più grave crisi politica degli ultimi undici anni. Tutto è cominciato lo scorso 17 dicembre, quando la polizia turca ha arrestato diverse personalità legate più o meno direttamente al partito del premier, l’AKP, nell’ambito di …

  • 21 Dicembre

    Il PPE verso le elezioni europee. Juncker tra i possibili candidati alla guida della Commissione

    Il 19 dicembre i leader del Partito Popolare Europeo (PPE) si sono riuniti al castello di Meise, nelle Fiandre, per un incontro preparatorio in vista del Consiglio Europeo. Alla riunione hanno preso parte i capi di governo e delle opposizioni appartenenti al PPE insieme ai Presidenti della Commissione Europea, José Manuel Barroso, e del Consiglio Europeo, Herman Van Rompuy. Tra …