martedì , 18 dicembre 2018
18comix
© Novartis - Flickr

Big Pharma, antitrust UE approva operazione Novartis – GSK

L’Antitrust UE dà il via libera ad una serie di accordi nel settore farmaceutico. È stato recentemente approvato l’acquisto, per 16 miliardi di dollari, da parte della svizzera Novartis della divisione oncologica della britannica GlaxoSmithKline (GSK), che, al contempo, acquisisce per 7,1 miliardi di dollari più le royalties il business dei vaccini del gruppo elvetico, ad esclusione di quelli antinfluenzali. I due gruppi hanno poi stretto una joint-venture, creando un’azienda leader a livello mondiale nel settore del consumer healthcare, cha va dagli antidolorifici da banco ai dentifrici, di cui Novartis possiederà una quota pari al 36,5%.

L’accordo Novartis-GSK e le conseguenze per la concorrenza

In termini di strategia, le operazioni concluse si rivelano molto importanti per il futuro posizionamento dei gruppi nel comparto sanitario. “Ci rafforzano finanziariamente e si prevede che, già nell’immediato, migliorino i nostri margini e i nostri tassi di crescita”, ha dichiarato Joseph Jimenez, CEO di Novartis. “Ci saranno vantaggi anche per i pazienti, che potranno trarre beneficio dai più alti livelli di innovazione che questo nuovo focus ci permetterà di raggiungere”.

La Commissione Europea si è mostrata inizialmente diffidente nei confronti di queste manovre, ritenute dannose per il corretto andamento del sistema concorrenziale europeo, ma anche e soprattutto per il forte impatto che possono avere sull’innovazione. L’accordo Novartis-GSK genererebbe, infatti, una situazione di duopolio tra le stesse e Roche, nell’area del trattamento del cancro alla pelle. Quindi una riduzione della concorrenza sul mercato di diversi farmaci.

Da qui la proposta da parte di Novartis di impegnarsi a cedere il MEK162 e l’LGX818, due cure specifiche per il melanoma, eliminando i problemi di concorrenza identificati dalla Commissione.

Grandi manovre nel settore farmaceutico

Cifre a nove zeri e grande dinamismo nel M&A (Mergers and Acquisitions) farmaceutico. Sempre di questi tempi la statunitense Mylan ha acquisito Abott Laboratories, forse all’interno di una strategia di “tax inversion”, mentre Pfizer volta definitamente le spalle ad AstraZeneca, dopo aver siglato, nel novembre 2014, un accordo con la casa farmaceutica tedesca Merck KGaA per 850 milioni di dollari, a cui seguiranno pagamenti in funzione dei risultati fino a 2 miliardi di dollari. Gli esperti confermano come questi “mega-deal” stiano aumentano rispetto al passato.

Ci si chiede quali siano le ragioni ultime di simili affari, anche dal punto di vista dell’antitrust. Si punterebbe alle operazioni straordinarie per nascondere, forse, l’incapacità di innovare o, quantomeno, la scarsa volontà di investire in ricerca e sviluppo.

“Non è vero che c’è sempre meno ricerca e sempre più M&A. Anzi, gli accordi sono uno degli strumenti utilizzati per sostenere le performance di R&D”, sostiene Lorenzo Positano, Associate Principal di McKinsey & Company. “Ogni azienda ha scelto quali molecole in fase di sviluppo assicurarsi sul mercato in funzione della sua ottimizzazione. Obiettivi che garantiscono un’offerta più completa nelle aree terapeutichecore’ e una ricerca mirata nei segmenti in cui ci si sente più forti per investire. Quindi l’opposto del disimpegno”.

Print Friendly, PDF & Email

L' Autore - Martina Mandozzi

Sono laureata in Giurisprudenza presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma nel 2014, discutendo una tesi in diritto commerciale comparato. Amo la dialettica, come arte di scoprire la verità ma, soprattutto, mi piace discutere con chi la pensa diversamente da me. Mi interesso di tematiche giuridiche legate all’Europa rientranti principalmente nell’area del mercato unico. Marchigiana e profondamente attaccata alla mia terra ed al mio amato paese, Amandola.

Check Also

copyright

Copyright, cosa c’è di nuovo nella direttiva votata all’Europarlamento

Il 12 settembre segna una data importante per la gestione del diritto d’autore nell’Unione Europea. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *