18comix

Crimea: un referendum dalla legittimità “confusa”

Se le conseguenze pratiche del referendum del 16 marzo in Crimea sono ormai abbastanza chiare, rimangono ancora numerosi dubbi circa le conseguenze giuridiche di tale evento. Un punto di vista impaziente ed una frettolosa analisi di quanto successo porterebbero a pensare che la secessione dall’Ucraina sia un dato di fatto, indiscutibile ed incontrovertibile. In realtà la questione è notevolmente più complessa. Le posizioni circa la legittimità giuridica del referendum sono molte e tutte da trattare con estrema delicatezza poiché ognuna in grado di provocare profondi scossoni all’intera Comunità Internazionale. Tante potrebbero essere infatti, nel lungo termine, le conseguenze di tale evento.

La prima tipologia di posizione in merito al referendum è quella che si può chiamare dei legittimisti”, ovvero di chi è convinto che il referendum sia legittimo, in quanto libera espressione del popolo della penisola di Crimea, riconducibile quindi al diritto all’autodeterminazione. Questa posizione è quella ad esempio del governo russo, che per voce del proprio Ministro degli Esteri Sergei Lavrov ha fornito a supporto, come esempio, il caso del Kosovo: “se questa ex regione della Serbia ha dichiarato nel 2008 unilateralmente la propria autonomia non c’è ragione per negare lo stesso diritto alla Crimea”. È lo stesso concetto espresso da chi sostiene una sostanziale somiglianza tra i due casi.

A ben vedere però ci sono ampie e notevoli differenze, enfatizzate da coloro che sostengono una seconda tipologia di posizione e che negano la legittimità del referendum e delle sue conseguenze. È la posizione dell’UE e ovviamente degli USA i quali, oltre a sottolineare le differenze con il caso del Kosovo, adducono motivazioni e considerazioni di diritto ben più solide rispetto alle motivazioni dei “legittimisti”.

In primo luogo il Kosovo ha dichiarato la proprio indipendenza dopo essere stato amministrato per alcuni anni dalle Nazioni Unite tramite UNMIK (istituita con la risoluzione 1244 del 1999 a seguito dell’intervento armato della Nato contro la Serbia di Milosevic), ottenendo quindi un’indiretta legittimità da parte dell’ONU. In secondo luogo, l’indipendenza del Kosovo non è stata guidata da una pressione esterna derivante da un Paese vicino (e potente) che puntava ad “inglobare” l’ex provincia serba a seguito del referendum. Nel caso della Crimea invece, la pressione politica – e solo formalmente non militare – della Federazione Russa è stata più che evidente.

Quanto detto porta a due importanti corollari. Il primo riguarda la violazione da parte di Putin del divieto di ingerenza negli affari interni di un altro Paese sovrano, il secondo porta a chiedersi in che misura il risultato del referendum sia stata conseguenza della presenza di “truppe filo-russe” che controllavano strade e seggi elettorali.

In terzo luogo, secondo l’impostazione giuridica di UE e USA, il referendum sarebbe stato valido se effettuato a livello nazionaleSarebbe stato quindi necessaria un’approvazione da parte dell’intero popolo ucraino circa la possibilità di privarsi di una parte di territorio. Questo in ottemperanza al rispetto dell’integrità territoriale previsto – tra le altre cose – sia dalla Costituzione Ucraina che dal “Memorandum di Budapest” del 1994, liberamente firmato anche dalla Federazione Russa, che prevedeva il rispetto dell’integrità del territorio ucraino.

In conclusione, se a prima vista questo tipo di analisi possano sembrare poco più che foglie di fico di fronte ad un evento che ormai si è consumato, in realtà quanto successo può provocare un cambiamento nella prassi internazionale, con pericolosi risvolti. Gli eventi delle ultime settimane potrebbero indirettamente incitare qualsiasi gruppo autonomista a decidere del proprio destino tramite un referendum oggettivamente anomalo e politicamente guidato da un altro Paese.

Ogni Stato sovrano del mondo è formato da minoranze che aspirano – più o meno concretamente – all’indipendenza. Incitare e legittimare tali movimenti intestini alla Comunità Internazionale può provocare qualcosa di simile alla totale anarchia. Ciò non significa negare l’autodeterminazione, anzi, semmai sostenere un’autodeterminazione che non sia strumentalizzata e guidata per ragioni politiche da una forza esterna. 

Nell’immagine, “l’ombra di Putin” su un muro di Belgrado (© Johnatan Davis, www.flickr.com)

Print Friendly, PDF & Email

L' Autore - Gianluca

Appassionato di politica estera e diplomazia, felice di scrivere per questa bella rivista.

Check Also

libia

Libia e la roadmap per le elezioni: l’offensiva diplomatica di Macron

A Parigi il 30 maggio scorso è andato in scena il protagonismo francese sullo scacchiere …